top of page
  • Immagine del redattoreAmbulatorio Veterinario San Luca

A Natale arriva un cucciolo: cosa ne pensa il veterinario?


Quante volte avete immaginato la classica scena, rappresentata in tanti film, di trovare un regalo “scodinzolante” sotto l’albero? Immaginiamo tante, dopotutto cosa c’è di più dolce di un cucciolo per Natale?


Però c’è un problema ovvero che il nuovo cucciolo non è un pupazzo e quindi, nel momento esatto in cui lo si fa entrare nelle nostre case, diventa una nostra responsabilità crescerlo nei migliori dei modi.

I cagnolini, gattini o qualsiasi altro cucciolo, necessitano di cure costanti e sono degli impegni a lungo termine sia inteso come tempo speso ad occuparsi di loro sia in termine economico. Necessitano di un’educazione idonea e di attenzione perché si tratta di esseri viventi e vanno accettati come parte della famiglia; non sono regali.

Inoltre, far associare ai più piccoli l’idea che un altro essere vivente possa essere associato a un “regalo”, non prepara all’impegno che ci sarà successivamente all’arrivo del nuovo cucciolo a casa.

È giusto, invece, compiere una scelta consapevole andando a esaminare tanti aspetti affinché la convivenza e la crescita con un animale possa essere una meravigliosa esperienza svolta nel migliore dei modi.


Giusto per fare chiarezza, apriamo una parentesi sui vari elementi da considerare prima di adottare un cucciolo: essendo piccoli, appunto, necessitano di un’educazione che richiede tempo e tanta pazienza, infatti, si dovrà aiutare il nuovo arrivato ad abituarsi ai nuovi ambienti e alla gestione dei suoi bisogni fisiologici. Inoltre, bisognerà considerare quanto tempo si avrà a disposizione in quanto non si può lasciare un animale troppo tempo da solo chiuso in casa; essendo esseri viventi, necessitano di compagnia e di relazioni sociali con gli altri membri della famiglia. Ciò significa modificare le proprie abitudini, quando possibile, per venire in contro alle esigenze dell’animale quindi considerare le uscite, per esempio, del cagnolino (anche con la pioggia e il freddo) oppure le visite dal veterinario ma soprattutto le vacanze!


Ci teniamo a sottolineare questo punto perché troppi animali vengono abbandonati ogni anno durante le vacanze quindi ci raccomandiamo di tenerne presente.

Concludiamo augurandovi di accettare un cucciolo nelle nostre vite in modo consapevole e non solo come dono passeggero per trascorrere le festività; siate coscienti che l’arrivo di un nuovo amico a quattro zampe richiede tanto impegno ma vi riempirà la vita di amore, si spera per più tempo possibile.




82 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Commenti


bottom of page