top of page
  • Immagine del redattoreDr.ssa Federica Clemente

Danni solari nei nostri amici a quattro zampe


Pelo bianco, corto e rado. Se questo è l’identikit del vostro amico a quattro zampe, occhio alle scottature!

In estate, infatti, sia cani che gatti a manto chiaro possono essere vittime degli effetti dannosi provocati dal sole.

Esattamente come per l’uomo, i raggi ultravioletti possono causare problemi di salute anche molto gravi come, ad esempio, tumori della pelle. Proteggere i nostri animali domestici dai raggi solari è, dunque, indispensabile se trascorrono tempo all’aria aperta.

Ad essere maggiormente esposti ai rischi, non sono solo animali con il mantello chiaro ma anche quattro zampe tosati. Il pelo, infatti, funge da schermo proteggendo la cute e impedendo così ai raggi UV di penetrare fino alla pelle. Anche la pigmentazione del derma gioca un ruolo importante: ne consegue che i pets dal manto scuro saranno meno vulnerabili ai raggi dannosi.

Che fare, dunque, per proteggere i nostri beniamini a quattro zampe? Per l’ennesima volta fare prevenzione è l’unica arma davvero efficace. Riparare gli animali dall’esposizione diretta del sole, tenendoli in luoghi ombreggiati, è certamente il primo passo da fare in particolar modo durante le ore più calde. Esattamente come per le persone, poi, può fare la differenza applicare una crema solare. Esistono unguenti protettivi ad hoc appositamente studiati per i nostri animali che permettono di scongiurare il rischio scottature.

Ma quali sono le zone più vulnerabili? Certamente quelle maggiormente esposte come orecchie, naso, contorno oculare ma negli animali che amano particolarmente crogiolarsi al sole sdraiati pancia all’aria, è bene spalmare l’unguento protettivo anche sul ventre poiché, essendo questa zona del corpo meno coperta dai peli, è a rischio più elevato.

L’uso della crema protettiva diventa indispensabile in caso di lunghe escursioni in montagna, dove può essere utile anche l’utilizzo di una protezione fisica aggiuntiva offerta da indumenti come, ad esempio, body e cappottini leggeri.

Più difficile “vestire” i gatti che però vanno ugualmente protetti. I felini bianchi, dunque, dovrebbero essere tenuti in casa al riparo dai raggi nocivi del sole in particolar modo durante le ore centrali della giornata ovvero tra le 11 e le 17. Le lozioni solari, anche in questo caso, sono un alleato facile da applicare che offre elevato fattore di protezione.

Attenzione poiché i danni dal sole non sono immediatamente visibili. Talvolta passano anni prima che il tumore cutaneo si manifesti erodendo inesorabilmente i tessuti colpiti. Difendere anticipatamente i pets è dunque l’imperativo. In caso il nostro animale domestico presentasse arrossamenti, croste o ulcere, è indispensabile non sottovalutare il problema ricorrendo a rimedi fai da te, ma rivolgersi tempestivamente al veterinario. Una diagnosi precoce, infatti, può fare la differenza tra la vita e la morte.


66 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page